Trasferta texana per il Ducati Team sul Circuit of The Americas.

Dopo la gara di apertura in Qatar, il Ducati Team è adesso in partenza per gli Stati Uniti per il secondo appuntamento del Campionato Mondiale MotoGP in programma questo weekend sul modernissimo Circuit of The Americas, il tracciato texano nei pressi di Austin, entrato a far parte del calendario MotoGP solo dodici mesi fa.
I due piloti del Ducati Team hanno iniziato la stagione MotoGP a Losail rispettivamente con un quinto e un sesto posto. Andrea Dovizioso e Cal Crutchlow sono anche stati impegnati la scorsa settimana in due giorni di test a Jerez e, nonostante il maltempo, hanno potuto comunque verificare il corretto funzionamento dell’elettronica ‘full-factory’ installata sulle loro Desmosedici GP14 dopo la gara del Qatar.
Andrea Dovizioso (Ducati Team #04)
“Dobbiamo ritenerci abbastanza soddisfatti, visto che siamo riusciti a dimezzare il distacco dai primi in Qatar confermando i miglioramenti che avevamo ottenuto nei test invernali. Sappiamo però di avere ancora tanto lavoro da fare e credo che alcune delle prossime piste saranno difficili per noi, a cominciare da quella texana di Austin. Però è un circuito che mi piace molto per le sue caratteristiche e non vedo l’ora di scendere in pista nel weekend”.
Cal Crutchlow (Ducati Team #35)
“Andiamo con fiducia ad Austin, perché è una pista dove lo scorso anno sono riuscito ad ottenere un buon risultato. Era un circuito nuovo per me e sono arrivato quarto, per cui spero di riuscire ad essere competitivo su questa pista anche con la mia GP14. I ragazzi del mio team hanno davvero lavorato al massimo in Qatar, dopo le mie scivolate e, nonostante il problema elettronico che abbiamo avuto, è stato senz’altro positivo aver terminato la gara al sesto posto.”
Il Circuit of The Americas
Il COTA, disegnato dal famoso architetto tedesco Hermann Tilke, è uno degli impianti più moderni nel mondo, ed è situato vicino alla città di Austin, capitale dello Stato di Texas. La pista misura 5.513 km e può ospitare fino a 120.000 spettatori. Il circuito, costruito nel 2012, ha ospitato la prima gara di MotoGP ad aprile dello scorso anno e può vantare un totale di 20 curve (9 a destra e 11 a sinistra) con direzione di guida antioraria. Tra le sue caratteristiche una salita di 41 metri di dislivello al termine del rettilineo principale, seguita da una curva a sinistra.
Giro più veloce in gara: 2013 Marquez (Honda), 2’04.242 (159,7 km/h)
Qualifiche: Marquez (Honda) 2’03.021 (161,328 km/h)
Lunghezza gara: 21 giri (115,8 km)
Inizio gara: 14:00 ora locale (21:00 italiana)
Così nel 2013
Podio: 1° Marquez (Honda), 2° Pedrosa (Honda), 3° Lorenzo (Yamaha)
Pole: Marquez (Honda) 2’03.021 (161,328 km/h)
Giro più veloce: Marquez (Honda) 2’04.242 (159,743 km/h)
Il Ducati Team al COTA (miglior risultato)
2013: 7° (Dovizioso)
Andrea Dovizioso
Moto: Ducati Desmosedici GP14
Numero di gara: 04
Età: 28 (nato il 23 marzo 1986 a Forlimpopoli, Italia)
Residenza: Forlì (Italia)
Gare: 205 (107 x MotoGP, 49 x 250cc, 49 x 125cc)
Primo GP: 2001 Gran Premio d’Italia (125cc)
Vittorie: 10 (1 x MotoGP, 4 x 250cc, 5 x 125cc)
Prima vittoria: 2004 Gran Premio di Sudafrica (125cc)
Pole: 14 (1 x MotoGP, 4 x 250cc, 9 x 125cc)
Prima Pole: 2003 Gran Premio di Francia (125cc)
Titoli Mondiali: 1 (1 x 125cc)
GP delle Americhe
2013: qualifica 6° / in gara 7°
Cal Crutchlow
Moto: Ducati Desmosedici GP14
Numero di gara: 35
Età: 28 (nato il 29 ottobre 1985 a Coventry, Inghilterra)
Residenza: Isola di Man
Gare: 53
Primo GP: 2011 Qatar
Pole: 2
Prima Pole: 2013 Assen TT
GP delle Americhe
2013: qualifica 4° / in gara 4°
Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: